domenica 3 aprile 2016

L'eterna danza degli opposti



Non c’è bene senza male. È una delle visioni del tao, della Via, il famoso cerchio mezzo bianco e mezzo nero che contiene un puntino di entrambi.
Commettiamo errori o semplicemente ci possono accadere cose brutte. Anche molto brutte!
Il male è inevitabile, come è inevitabile il bene.
È ovvio che sia più semplice accettare e scegliere un gesto positivo o che ci piace rispetto al contrario, ma a caval donato non si guarda in bocca!
Detto tra noi, in intimità, lo sapete che bene e male non esistono, vero?

Facciamo un po’ di chiarezza su questo punto:

Ciò che ci circonda non ha una valenza intrinseca per cui si può dichiarare che quella determinata azione o quel determinato oggetto è buono o cattivo. Banalizziamo con un esempio classico: se domani uno sconosciuto mi attaccasse a dei cavi elettrici e mi desse la scossa, non penso che ne sarei particolarmente felice. Ma se il giorno dopo avessi un attacco cardiaco e quello sconosciuto fosse un medico con un bel debrifillatore in mano, sarei ben contento di prendermi la scossa!
Quindi, la prima cosa che possiamo notare, è come gli oggetti e le azioni non abbiano una proprietà intrinseca che permetta loro di essere definite come buone o cattive, come bene o come male. La medesima sostanza, assunta in circostanze differenti, può essere veleno o farmaco.
Questo non è particolarmente difficile da capire, anzi, è un concetto abbastanza banale.

Approfondiamo maggiormente la questione;

Innanzitutto possiamo capire che se bene e male non sono categorie assolute, possiamo descriverla in questo modo: il bene e il male sono due concetti dualistici creati dalla mente dell' uomo per catalogare in base al frutto delle sue esperienze e convinzioni per disegnare la sua realtà, quella realtà che è soltanto una sua rappresentazione soggettiva.
Giustamente poco cambia per noi rappresentare la nostra realtà, perché e logico pensare che se un individuo ruba qualcosa di nostro, alla fine e considerata una azione negativa, ma eccoci! perché quel gesto è considerato negativo? alla fine se prendo quell'oggetto lo sposto solo nello spazio temporale,  ed accadde esattamente la stessa cosa se anche non lo ruberei, ma me lo presterebbe.
Eccoci! Siamo arrivati al secondo concetto fondamentale: siamo noi condizionati dalla moralità, che poi alla fine e cosa giusta, forse.
Quello che è bene per me può essere male per un altro. Siamo noi che attribuiamo senso al mondo, al nostro mondo. In pratica decidiamo (a dire il vero è un processo alquanto inconsapevole) quale è il significato di ciò che ci succede. Costruiamo un mondo di senso che è significato, un pò come se cucissimo tanti vestitini da far indossare a tutto ciò che ci circonda. È così che creiamo il nostro mondo, è così che creiamo i nostri problemi, ed è così che alcune volte li risolviamo. Semplicemente ristrutturando la realtà. Inscrivendola nel romanzo della nostra vita. Fornendogli un senso rendiamo utile qualunque esperienza. In questo modo ci arricchiamo in consapevolezza e conoscenza. E soprattutto non finiamo in depressione. 

Approfondiamo adesso un ultimo livello:

Bene e male hanno qualcosa a che vedere anche con il tempo, con l’orologio e con il calendario. Ciò che mi succede adesso può essere spiacevole, brutto e rappresentare ciò che, io, dentro la mia testa, definisco male. Ma se togliamo lo zoom, se allarghiamo la visuale con un bel grandangolo temporale e ci guardiamo indietro ci accorgeremo che molte delle cose brutte e cattive che ci sono successe, e di cui avremmo fatto sicuramente a meno, ci sono servite. Il dolore rimane, la sofferenza resta. Ma in tutto quel dolore, in tutta quella sofferenza, a distanza di tempo ci possiamo trovare qualcosa che ci è servito. qualcosa che “non poteva che andare così” per far sì che altre cose accadessero. Non è una visione fatalistica, è piuttosto un modo di interpretare la realtà in modo funzionale.


"Non possiamo evitare che ci succedano cose brutte, non possiamo evitare il male, ma possiamo farne tesoro, ricercando quel puntino bianco in mezzo a quel mare di nero." 
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.


Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it
SHARE:
a cura di Salvatore Cimiotta | © Diritti Riservati.